La musica è una questione di stile: 22 icone sfilano in un’infografica

image

Se non avete mai riflettuto sul legame tra mondo della musica e mondo della moda, questa è l’occasione perfetta per recuperare. Da sempre, ma in particolare dagli anni ’50 del secolo scorso a oggi, musica e moda hanno acquistato sempre maggior potere nell’influenzare i gusti e gli stili di vita delle persone.

Ci sono state, negli anni, figure che non hanno solo rivoluzionato la musica, ma si sono imposte (volenti o nolenti, aiutate o meno) anche come icone di stile. Un esempio emblematico sono i Nirvana, Kurt Cobain e il grunge. Rivoluzionari sotto l’aspetto musicale, gettando le basi di tutto ciò che sarà in seguito definito “post rock” e rendendo mainstream l’immagine dell’artista con i jeans strappati, il maglione largo, i capelli cadenti sul viso, la voce roca e un look all’apparenza trasandato.

Che piaccia o meno, è stata una vera e propria rivoluzione nel pieno degli anni ’90, che sicuramente ha contribuito ad arrivare dove ci troviamo ora. Ripercorrendo la timeline a ritroso, si incontrano nomi come Madonna, Prince, Boy George, Michalel Jackson, David Bowie e molti altri, ma non mancano le star più recenti.

Negli ultimi anni, infatti, sono state numerose le occasioni che ci hanno regalato look e outfit irriverenti e provocanti, nel rispetto della più classica delle tradizioni che riguardano gli artisti musicali: andare contro corrente. Basta pensare a Lady Gaga che sfila agli MTV Music Awards del 2010 con un abito fatto di carne. Oppure al look da liceale di Britney Spears in “Baby One More Time”. Ci si scandalizza, si discute, si commenta, ma non si può che rimanere affascinati da questi azzardi, che si finirà per ammirare e, spesso, anche imitare.

Scoprire in modo divertente e approfondito la connessione tra la musica e la moda è possibile grazie all’infografica realizzata dal multi-brand store Manzetti, che ha voluto non solo selezionare le 22 icone di stile nel mondo della musica più importanti, ma anche indicare per ognuno il periodo di attività, il genere musicale di appartenenza e l’occasione in cui l’abito è stato indossato. Ora non resta che infilarsi le cuffiette e far partire la vostra playlist preferita. Buona lettura!

Lascia un commento

commenti

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.