Rip Diet storia semiseria di un pranzo di Natale Made in Sud

RIP_diet-9 copy

Alzi la mano chi di voi durante il periodo festivo piu’ bello ( e piu’ lungo) dell’anno decide di cedere a tutte le tentazioni culinarie possibili e immaginabili? Io di sicuro lo faccio! Come sapete io sono Campana e al Sud (come in tutta Italia ) il cibo “è una cosa seria”. Durante il periodo che va dall’8 Dicembre fino al 6 Gennaio noi  italiani iniziamo le grandi abbuffate!Si si proprio “ABBUFFATE”. Il termine “Abbuffarsi” significa letteralmente mangiare tanto ( oserei dire troppo) e con ingordigia. Ah quanto mi manca la mia bella Italia in questo periodo! Periodo in cui non solo la casa si veste a festa ma anche, e sopratutto, la tavola si riempe a dismisura! Ovviamente  la domenica resta sempre il giorno dell’abbuffata per eccellenza durante i lunghi mesi annuali, ma a Natale non ci accontentiamo…. noi italiani esageriamo! Prima di tutto, pur non avendo una famiglia numerosa, all’improvviso  nella sala da pranzo vedo mia mamma allestire un tavolo per circa 40 persone e mi chiedo subito :”Ma davvero ho tutti questi parenti”?Dopo di che vedo sempre mia madre, tutto fare come ogni giorno dell’anno, preparare quintali di antipasti. Mozzarelle gustososissime, salsicce fatte in casa, focacce, salumi, uova sode, le olive sott’olio e i carciofini sempre sott’olio che ogni anno facciamo in casa da buoni terroni!Insomma gia’ solo a guardare l’antipasto mi sento male. Dopo poco arriva la prima zia che porta la pasta al forno con le polpette (tipico delle feste) buona, buonissima per carita’ ma dopo ci sono anche le lasagne che mamma ha preparato  nel caso in cui “qualcuno non gradisse la pasta al forno” ( ma poi finisce che tutti mangiamo entrambi, quasi per obbligo morale!) Ecco la seconda zia che suona il campanello, ha le mani piene di teglie…”Cosa conterranno?” mi chiedo timidamente ma non faccio in tempo a pensarlo che la zia mi anticipa:” ho fatto il polpettone ripieno”. Il polpettone ripieno?Ma sul menu’ non era prevista la carne cotta sulla brace? Poco importa mangeranno entrambi ne sono certa, io mangero’ la pizza salata di spinaci che mi sono preparata con tanto amore. Ma non sara’ questo secondo piatto light a salvarmi perche’ l’altra zia porta i contorni. Patate, insalata, piselli e tutto cio’ che e’ comunemente noto come “contorno” compare improvvisamente sul tavolo.Ma arrivati a questo punto abbiamo quasi finito, mancano solo le arachidi, noci,nocciole e noccioline e …i dolci..che argomento meraviglioso.Noi le chiamiamo “le paste” oppure scegliamo ” i mignon” insomma anche qui non ci facciamo mancare nulla e nemmeno il babba’ e il Pandoro of course! Ma perche’ vi ho raccontato tutto questo? A perche’ sono tanto fiera delle tradizioni della mia famiglia e della mia bella Patria, b perche’ quest’anno come tutti gli anni in questo periodo dico con orgoglio “rip diet” e non solo con i fatti ma anche con questo look….Che dite la mia famiglia sara’ felice di vedermi con questa simpatica felpa con cui ufficializzo che sono pronta per la grande abbuffata? Io credo di si! Quindi buone abbuffate a tutti! Kiss

 

RIP_diet-1 copy RIP_diet-2 copy  RIP_diet-4 copy RIP_diet-5 copy RIP_diet-6 copy RIP_diet-7 copy

 

 

RIP_diet-8 copy

Read my article in English using Google Translate on my home page!

I wore:

Sweater BuyItalianStyle

Coat Smash!

Shoes Ama-Brand

Necklace Perka Design

Bag Adidas tks to Mainline Menswear

 

Ph Thanks to Arianna  De Lazzari 

 

Lascia un commento

commenti

25 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.