La Crescita Sorprendente dello Shopping Online in Italia

 

Si rammenta che il messaggio contenuto nella presente e-mail è destinato esclusivamente alla persona/soggetto cui è indirizzato.
Se non siete i destinatari indicati nel messaggio non potete copiare o inoltrare il messaggio ad altri e siete invitati a distruggerlo.

Il contenuto del presente messaggio non deve essere considerato come trasmesso o autorizzato dal titolare del dominio utilizzato, il quale non si assume nessuna responsabilità per eventuali intercettazioni, modifiche o danneggiamenti del presente messaggio e-mail e per le eventuali conseguenze.

The information transmitted is intended only for the person or entity to which it is addressed and may contain confidential and/or privileged material. Any review, retransmission, dissemination or other use of, or taking of any action in reliance upon, this information by persons or entities other than the intended recipient is prohibited.

 

La pandemia di covid-19, con la conseguente emergenza sanitaria, ha avuto un ruolo impattante sulle abitudini d’acquisto delle persone. Il lockdown ha costretto i consumatori a sperimentare nuove modalità di fare shopping, a vantaggio dei siti per comprare online che hanno visto aumentare vertiginosamente le vendite.  Tanti si sono affacciati all’e-commerce per la prima volta, altri hanno iniziato a comprare online con più frequenza, anche prodotti come quelli alimentari che prima erano soliti acquistare al supermercato.

Il consorzio Netcomm, in collaborazione con NetStyle e e Tuttofood Milano, ha svolto una ricerca sullo stato dell’e-commerce in Italia, in un periodo che va da prima a dopo l’emergenza covid, evidenziando un vero e proprio boom dello shopping online.

L’e-commerce sta ormai diventando un’abitudine per gli italiani, con una frequenza d’acquisto che è salita del 79% negli ultimi 12 mesi. Questa crescita ha trovato impreparate molte aziende che erano abituate a ben altri numeri, e hanno invece dovuto fronteggiare una domanda aumentata di 10 volte rispetto a prima della pandemia. I problemi hanno riguardato i principali rami aziendali connessi alle attività di shopping quali la logistica, la disponibilità dei prodotti e i tempi ei modi di consegna.

Imprevisti ci sono stati soprattutto per i piccoli venditori che allo scopo di sopravvivere all’emergenza hanno deciso di proporre i loro prodotti e servizi online. Gli ostacoli hanno riguardato soprattutto la mancanza di competenze specifiche, la gestione della logistica e quindi delle spedizioni e i costi di gestione abbastanza alti.

Certamente, questi problemi sono destinati a sparire nel momento in cui le imprese avranno acquisito la giusta esperienza, e l’emergenza sarà terminata, così da poter sviluppare una struttura di coordinamento multicanale allo scopo di integrare perfettamente i canali fisici e quelli digitali.

La pandemia pare poi abbia contribuito all’avvicinamento degli italiani al pagamento con gli strumenti digitali. Infatti, le regole di comportamento imposte, tra cui il distanziamento sociale, hanno indotto ad un ripensamento anche sui metodi di pagamento da utilizzare con un progressivo abbandono dei contanti a favore di metodi di pagamento alternativi.

Panoramica dello shopping online in Italia

Gli acquisti online in Italia hanno raggiunto il valore di 30,6 miliardi nel 2020, con una diminuzione del 3% rispetto al 2019 per via del drastico calo dei servizi, come il turismo o il ticketing per gli eventi, per via del lockdown, i quali scendono del 47%. A sorprendere è l’aumento degli acquisti di prodotto che crescono del 31%. Come anticipato infatti, le preferenze d’acquisto delle persone stanno cambiando e sempre più consumatori prediligono lo shopping online a quello tradizionale.

Questa straordinaria crescita è dovuto soprattutto al boom di vendite online di alcuni settori, fino a un anno fa ancora acerbi e poco sviluppati nel mondo virtuale. In particolare, l’alimentare che con un fatturato di 2,7 miliardi raggiunge una crescita addirittura del 70% rispetto al 2019, arredamento ed home living (+24%), e buoni numeri hanno fatto registrare altre categorie di prodotti nei settori: bellezza e farmacia, Giochi e Ricambi Auto.

Anche i settori più maturi, seppur con percentuali minori, hanno allungato il loro periodo di crescita. L’informatica e l’elettronica di consumo ha aumentato le vendite del 20%, l’abbigliamento online è cresciuto del 22% ed infine l’editoria che ha registrato un buon +18%.

I dati riguardo le vendite di prodotti online, in crescita in ogni settore, confermano un forte cambiamento di mentalità tra gli italiani, i quali non considerano più l’e-commerce un mondo oscuro e pericoloso dai quali rimanere distanti, ma un’opportunità per trovare i prodotti preferiti a prezzi vantaggiosi e sperimentare nuove forme d’acquisto quali valide alternative allo shopping tradizionale. Questo processo è stato favorito sia dalla diffusione di smartphone sempre più innovativi e semplici da utilizzare per trovare ed acquistare prodotti anche grazie alla ricerca vocale, che dovuto all’intraprendenza delle aziende, le quali allo scopo di sviluppare il loro canali online propongono regolarmente sconti e promozioni, e facilitano l’acquisto tramite app innovative, rendendo lo shopping online rapido e conveniente.

Visit this site 

Lascia un commento

commenti

Tags from the story
, ,
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.